Al paradise

Al Paradise è stato un programma televisivo trasmesso da Rai 1 per tre stagioni dal 12 febbraio 1983 al 29 giugno 1985 come varietà in prima serata del sabato. Autori ed ideatori del programma erano i registi Antonello Falqui e Michele Guardì. Realizzato al Teatro delle Vittorie di Roma per le prime due edizioni e agli studi Dear per la terza, il varietà dall'ambientazione circense fu messo in onda su Rai 1 da sabato 12 febbraio 1983, condotto da Oreste Lionello (vestito con una bombetta rossa, una giacca e un papillon dello stesso colore, una camicia bianca e un paio di pantaloni neri nelle prime due edizioni e un cilindro azzurro e giacca e papillon dello stesso colore nell'ultima edizione) con Milva (che cantava Cantare e vai, la sigla di coda della prima edizione del 1983), Heather Parisi (che cantava Radiostelle, la sigla della prima edizione) e Lara Orfei, ai quali si aggiungeva il gruppo comico La Zavorra, sei giovani umoristi cresciuti nel laboratorio di Gigi Proietti. Gli ospiti internazionali in parte si esibivano, e in parte interagivano coi conduttori dalle poltrone della platea (tra i tanti Falcão, Toquinho, Giulio Andreotti, Gianni Agnelli, Dario Argento, Christian De Sica, Sandra Milo, Delia Scala). L'ultima parte della puntata era dedicata a una fantasia di varietà ispirata a un grande città o a un periodo storico. Nell'ordine: Parigi, Londra, Hollywood, Madrid, il Brasile, la Belle Époque, Berlino anni '30, Vienna Liberty, Broadway, l'Italia. Visto il successo lo show venne riproposto nel 1984 sempre con la conduzione di Lionello affiancato dall'esordiente Franca D'Amato (con lo pseudonimo di Accademia) diviso in tre cicli di 6 puntate ciascuno che vedeva cambiare il cast di primadonna e showgirl: Milva e Bonnie Bianco, le Gemelle Kessler e Sara Carlson, Mariangela Melato e Elisa Scarrone. Tra gli ospiti anche Jerry Lewis, Vivian Reed, Antonello Fassari, Massimo Wertmüller e l'illusionista Arturo Brachetti, per le coreografie di Don Lurio. La sigla di coda del 1984 era Tutti clowns, cantata dal coro Akademia's Sound e incisa anche sul lato B del 33 giri Fantastico Rockfeller della Cinevox. Un'ultima edizione, di minor successo, venne infine realizzata nel 1985, con la sigla Sky cantata da Bonnie Bianco. In questa edizione del varietà, Falqui rispolverò l'originario progetto dei Promessi sposi (nel sipario intitolato Cetra Graffiti), pensato ma mai realizzato, per la Biblioteca di Studio Uno del 1964. Nel cast comparivano Virgilio Savona (Alessandro Manzoni), Lucia Mannucci (Agnese), Felice Chiusano (don Abbondio), Tata Giacobetti (Fra' Cristoforo), Al Bano e Romina Power (Renzo e Lucia), Gianni Agus (don Rodrigo), Alvaro Vitali (il Griso), Gianni Minà (Azzeccagarbugli), Minnie Minoprio (la Monaca di Monza), Arnoldo Foà (l'Innominato) e Nerina Montagnani (Perpetua) con riferimenti, nella parodia, tutti interni al mondo dello spettacolo e dei mass media, da Novella 2000 a Sanremo, fino al varietà contemporaneo e passato.

Paese: Italia
Anno: 1983-1985
Genere: varietà
Puntate: 40
Lingua originale: italiano
Conduttore: Oreste Lionello, Milva, Heather Parisi e Lara Orfei
Regia: Antonello Falqui, Michele Guardì
Rete televisiva: Rai 1

Indice programmi TV