Zig Zag

Zig Zag è stato un game show televisivo a premi, trasmesso da Canale 5 dal 1983 al 1986 in fascia preserale e condotto da Raimondo Vianello e Simona Mariani. Dalla seconda edizione ha partecipato alla conduzione anche Sandra Mondaini (intervenendo, però, solo nelle puntate del lunedì e del sabato). Nella terza edizione Raimondo Vianello venne affiancato sia da Sandra Mondaini che da Elena Mattolini. Vianello fu anche autore ed ideatore del gioco assieme ad Alessandro Continenza, successivamente si aggiunsero anche Giambattista Avellino ed Alberto Consarino. Zig Zag è stato uno dei primi programmi del gruppo Fininvest ad essere realizzato a Roma: la prima edizione era stata registrata presso gli studi della Dear sulla via Nomentana (all'epoca affittati da Silvio Berlusconi, poi di proprietà della Rai), mentre la seconda e la terza edizione erano state registrate presso lo studio "Clodio" della C.C.C. (Cerrato Compagnia Cinematografica), presso piazzale Clodio. Il programma andava in onda dal lunedì al sabato dalle ore 18:50 alle ore 19:25; in seguito, dalla puntata del 9 gennaio 1984 fu spostato alle ore 19:30 ed allungato ad un'ora di trasmissione facendo da "traino" per la prima serata di Canale 5. Il gioco prevedeva la presenza in studio di tre concorrenti che si sfidavano per un montepremi settimanale massimo di 20.000.000 di lire (ovvero 4.000.000 di lire a puntata). Nelle prime cinque giornate, dal lunedì al venerdì, i concorrenti si affrontavano in diverse prove per puntata, con le quali dovevano cercare di accumulare il maggior quantitativo di denaro. Il montepremi acquisito durante la settimana veniva assegnato nella puntata del sabato, quando i concorrenti si affrontavano per accedere all'ultimo gioco e conquistare il titolo di campione. Il campione in carica conseguiva anche il diritto di partecipare alla sfida della settimana successiva, con un limite massimo di quattro settimane consecutive. La prima edizione andò in onda dal 21 novembre 1983 al 30 giugno 1984 per 192 puntate, la seconda dall'8 ottobre 1984 al 29 giugno 1985 per 228 puntate, la terza dal 7 ottobre 1985 al 28 giugno 1986 per altrettante 228 puntate. Oltre al conduttore Raimondo Vianello, personaggi fissi della trasmissione erano l'attore romano Enzo Liberti, nel ruolo del giudice arbitro e, come valletta, l'attrice napoletana Simona Mariani, sostituita da Elena Mattolini nella terza edizione; a loro, nella seconda edizione, si aggiunse anche Sandra Mondaini nelle puntate del lunedì e del sabato e poi come co-conduttrice fissa nella terza edizione. Regista della trasmissione nella prima e seconda edizione fu Laura Basile, sostituita, il terzo anno, da Luigi Ciorciolini. Durante lo svolgimento della terza edizione Enzo Liberti morì in seguito a una lunga malattia. Le puntate già registrate in anticipo furono mandate in onda dopo la sua scomparsa e per le rimanenti puntate previste il ruolo che fu di Liberti venne ricoperto dal produttore esecutivo del programma Tito Presciutti. Al termine della stagione venne quindi decisa la chiusura della trasmissione. Parte del meccanismo della trasmissione, in particolare lo schema a tre concorrenti su base settimanale, riprese l'idea da Sette e mezzo, gioco a premi del 1980 condotto per 65 puntate proprio da Raimondo Vianello su Rai 1.

Paese: Italia
Anno: 1983–1986
Genere: game show
Edizioni: 3
Durata: 30 min, poi 60 min
Lingua originale: italiano
Conduttore: 1ª edizione Raimondo Vianello e Simona Mariani - 2ª edizione: Raimondo Vianello, Simona Mariani e con Sandra Mondaini - 3ª edizione: Raimondo Vianello, Sandra Mondaini e con Elena Mattolini
Regia: Laura Basile (1983–1985) - Luigi Ciorciolini (1985–1986)
Casa di produzione: Margherita Caligiuri (per RTI)
Rete televisiva: Canale 5

Indice programmi TV