Il Grande Mazinga

Il Grande Mazinger, conosciuta anche come Il grande Mazinga è una serie televisiva anime di genere mecha ideata da Gō Nagai. La serie è il seguito della precedente Mazinga Z che si concludeva con il Grande Mazinger che giungeva in aiuto di Mazinger Z. La Terra è sotto la minaccia dei Mikenes, ovvero l'antico popolo greco dei Micenei, che un cataclisma aveva costretto a rifugiarsi per millenni nelle viscere del pianeta, affidando la loro sopravvivenza a un sole artificiale e per questo i loro corpi divennero deboli e per sopravvivere devono trasformarsi in cyborg. In tempi più recenti un gruppo di ufficiali guidati dal perfido generale Nero, che hanno convertito i propri corpi in quelli di giganteschi automi, si impadronisce del regno e ne trasforma la popolazione, parte in soldati robot e parte in mostri da combattimento, con l'evidente scopo di iniziare una guerra di conquista. A capo dei Mikenes vi è il malvagio Supremo Imperatore delle Tenebre che risveglia il suo popolo per spingerli all'azione per lasciare il sottosuolo e tornare a vivere sulla Terra. Riappaiono il Granduca Gorgon e il Dottor Inferno (nei panni del Grande Maresciallo del Demonio), salvato dall'Imperatore delle Tenebre alla fine della serie precedente; il dr. Hell ha ora un occhio bendato ed è diventato un cyborg. Il Grande Mazinger era stato costruito segretamente da Kenzo Kabuto, figlio di Juzo Kabuto (creatore di Mazinga Z) e padre di Shiro e Koji Kabuto, pilota di Mazinga Z, che affronta con inusitata energia i mostri Mikenes e riesce ad abbatterli. Il Grande Mazinger riprende ed evolve la tecnologia di Mazinga Z, corazzato con una nuova superlega chiamata Nuova Zeta o NZ, e meglio armato. La nuova base di difesa terrestre viene stabilita nella Fortezza delle Scienze, un complesso sulle rive giapponesi dell'oceano Pacifico che può anche immergersi e volare; a dirigerla vi è Kenzo Kabuto. Creduto morto a seguito di un incidente, Kenzo è in realtà sopravvissuto grazie all'adozione di un corpo meccanico costruito da suo padre. Oltre a costruire il Grande Mazinger ne ha anche cresciuto e addestrato il pilota, Tetsuya Tsurugi. Kenzo cela per lungo tempo a Shiro la sua reale identità e riversa parte del suo affetto paterno su Tetsuya. Al Grande Mazinger viene affiancato un robot dalle sembianze femminili, Venus Alfa, che può lanciare potenti laser dagli occhi e scagliare i missili che porta sul petto e sulla dita; Venus è pilotata da Jun Hono, una bellissima ragazza. Ai due si aggiungono Boss Robot e successivamente il Junior Robot, un automa costruito da Kenzo per il figlio Shiro. I Mikenes dispongono di una base sottomarina e di una gigantesca fortezza volante; a dirigere gli attacchi sono sette generali che rappresentano sette classi di mostri (Yuri Caesar per i mostri umani, Lord Ryganper gli altri mammiferi, Drayato per i rettili, Vardallah per gli uccelli, Scarabeth per gli insetti, Anghoras per pesci e anfibi e Hardias per gli spiriti delle tenebre); in posizione più defilata è il ministro Argos che si occupa di missioni di spionaggio. Il Grande Mazinger esce vincitore da ogni battaglia e Tetsuya infligge gravi perdite ai nemici abbattendo prima Gorgon (il cui posto verrà preso dalla Marchesa Yanus, esperta di intrighi) e poi lo stesso Generale Nero; l'imperatore decide allora di risvegliare il dr. Hell, che viene nominato Grande Maresciallo del Demonio e incaricato del comando delle operazioni al posto del predecessore; i suoi mostri si rivelano più potenti dei precedenti e arrivano spesso ad un passo dalla vittoria finale senza però riuscirvi. Usando la nuova base volante Demonica costruita dopo la distruzione di Mikeros, i nemici sferrano un durissimo attacco alla Fortezza delle Scienze, nel corso del quale lo stesso Kabuto resta ferito. In soccorso arriva il dottor Yumi, il direttore dell'Istituto di Ricerche Fotoatomiche dove ancora si trova Mazinga Z; Yumi richiama Koji Kabuto dagli Stati Uniti che si rimette ai comandi di Mazinga Z, potenziato e corazzato grazie all'aiuto di Kenzo, e il suo contributo è determinante per respingere i nemici. Allora lo stato maggiore di Mikenes scende in campo per lo scontro decisivo. Il dottor Kabuto solleva allora la sua fortezza e la scaglia in un attacco suicida contro Demonica, inchiodandola a terra e capovolgendo le sorti della battaglia. Malgrado lo sconcerto di Koji per il gesto del padre, i due robot reagiscono e cingono d'assedio la fortezza; ad essi si aggiungono anche Venus e Diana A; la devastante esplosione di Demonica uccide i suoi occupanti e segna la fine della guerra, anche se la sorte dell'imperatore resta avvolta nel mistero. i due robot si ritirano dalla scena e nel lungometraggio UFO Robot Goldrake contro il Grande Mazinga li vediamo collocati con le partner femminili Venus e Diana e Boss Robot nel museo dei robot nei pressi di Tokyo.

Titolo originale: Gurēto Majingā


Genere: mecha
Autore: Gō Nagai
Regia: Tomoharu Katsumata, Nobuo Onuki, Takeshi Tamiya, Tetsuo Imazawa, Masayuki Akehi
Sceneggiatura: Keisuke Fujikawa, Tohojiro Andou, Susumu Takajira
Char. design: Keisuke Morishita
Musiche: Chūmei Watanabe
Rete: Fuji TV
1ª TV: 8 settembre 1974 – 28 settembre 1975
Episodi: 56 (completa)
Aspect ratio: 4:3
Rete it.: Televisioni locali
1ª TV it.: 1979
Episodi it.: 56 (completa)
Studio dopp.it.: C.D. Cooperativa Doppiatori

Personaggi e doppiatori

PersonaggioDoppiatore
Tetsuya Tsuruji
Piero Tiberi
Jun Hono
Maria Grazia Dominici
Dott. Kenzo Kabuto
Gianni Marzocchi (1^, 3^ Voce)
Sandro Iovino (2^ Voce)
Shiro Kabuto
Francesca Guadagno
Koji Kabuto
Massimo Giuliani
Antonio Fattorini (?)
BossGianfranco Bellini
Gran Signore Delle Tenebre / Generale Nero
Renato Mori (1^ Voce)
Sandro Iovino (2^ Voce)
Imperatore Delle Tenebre
Mario Mastria (1^ Voce)
Mario Lombardini (2^ Voce)
??? (3^ Voce)
Gen. Hardias
Romano Ghini
Gen. Angoras
Aldo Barberito (1^ Voce)
Arturo Dominici (2^ Voce)
Gen. Yuri Caesar
Mario Mastria
Gen. Lord Drayato
Aldo Barberito (1^ Voce)            
Alessandro Sperli' (2^ Voce)
Gran Maresciallo
Franco Odoardi
Duca Gorgon
Daniele Tedeschi
Marchesa Janus
Germana Dominici
Prof. Tonda
Piero Tiberi
Sayaka Yumi
Silvia Tognoloni
Dott. Yumi
Sandro Iovino
Nucke
Sandro Acerbo
Mucha
Massimo Giuliani (1^ Voce)
??? (2^ Voce)
Agente X
Germana Dominici
Signorina Mary Ann
Isabella Pasanisi
Shinikiro Kida (Ep.52)
Sandro Acerbo
Ministro Argos
Aldo Barberito (1^ Voce)
Paolo Poiret (2^ E 4^ Voce)
Aldo Barberito (3^ Voce)
Gen. Gyrgler 'Bardallah'
Aldo Barberito (Ep.1)
Diego Michelotti (Ep.32, 36)
Silvio Anselmo (Ep.33)
Mario Mastria (Ep.47)
Gen. Rigan
Daniele Tedeschi (Ep.1, 12)
Renato Mori (Ep.12)
Paolo Poiret (Ep.20)
Diego Michelotti (Ep.34)
Vittorio Di Prima (Ep.39)
Gen. Scarabeth
Gino Donato (Ep.3-4)
Sergio Matteucci (Ep.10)
Elio Zamuto (Ep.26)
Luciano Roffi (Ep.45)
??? (Ep.56)
ArunaLaura Boccanera
SacerdoteFranco Odoardi (Ep.11)
Elio Zamuto (Ep.19) 
Helena
Laura Boccanera
KaoriLaura Boccanera
Kerubinus
Luciano Roffi
Antonio Fattorini (?)
Cleo
Anna Rita Pasanisi
Cornacchia
Deddi Savagnone (1^ Voce)
??? (2^ Voce)
Deddi Savagnone (3^ Voce)

Sigla
"Il grande Mazinger", cantata dai Superobots.

Produzione: Toei Animation, 1974

Indice cartoon