Combattler V

Combattler V è una serie televisiva anime giapponese di genere mecha. Nell'anno 2013, gli alieni del pianeta Campbell invadono la Terra. Per contrastare tale invasione, il professor Stevens costruisce il robot elettromagnetico Combattler. Questi è il risultato dell'unione di cinque velivoli (custoditi nella base laboratorio posta su una scogliera, la Nanbara Connection) pilotati da Roy Lambert, Furio Batler, Gonghi Kasuki, Jolly Lynch e la nipote del professore, Maggie Stevens. Ognuno dei piloti è scelto per un'abilità peculiare che lo caratterizza. Quando il professor Stevens rimane ucciso, viene rimpiazzato alla base dal professor Mirabilius, un isterico ubriacone misantropo che nei momenti difficili sfodera un'insospettabile prontezza di spirito e ingegnosità. Inizia quindi un lungo scontro tra le forze terrestri e quelle aliene guidate in prima linea dal malefico generale Malik, accompagnato dall'assistente androide Marzia e dal truce vice-comandante Lucifer. Occorre notare che Marzia è innamorata di Malik, ma lui respinge il suo amore perché lei è solo una androide. Inoltre, il vero capo dell'invasione è la regina Oleana, o meglio la sua "essenza": ella infatti, per diventare immortale, ha racchiuso la sua forza vitale in un computer che si trova in una enorme statua che la rappresenta. Malik la chiama "Madre" ed è al suo servizio. Dopo molte battaglie tra il Combattler e i mostri meccanici alieni, e dopo un duello faccia a faccia tra Roy e Malik, proprio quest'ultimo, nel tentativo di soccorrere Marzia che è rimasta gravemente danneggiata nello scontro per salvarlo, la porta nella base dove vengono costruite le armi del loro esercito e lì scopre di essere anch'egli solo un androide costruito dalla demoniaca regina Oleana. Malik, dopo aver rinnegato sua "Madre" e tutta la sua missione di conquista, aiuta il Combattler a distruggerla e poi i due si sfidano in un ultimo duello, che vedrà vincitore il robot terrestre. Ma la guerra non finisce così: la crudele strega del pianeta Campbell, Janera, fallito il primo tentativo di invasione della Terra decide di scendere personalmente sul pianeta e di guidare i nuovi attacchi insieme ai suoi servitori: lo scienziato Valkimer ed il generale Dunkel, che piloterà personalmente ogni nuovo robot da combattimento. Seguono dunque nuove battaglie, finché Janera, stanca dei continui fallimenti di Dunkel, gli concede un'ultima occasione: 12 ore per distruggere il Combattler, altrimenti una bomba gli disintegrerà il cranio. Nonostante l'impegno, Dunkel viene comunque sconfitto. A questo punto, la strega scaglia contro l'umanità le amebe, che vengono prontamente distrutte grazie alle bombe del professore Montgomery. Oltre alle sonore sconfitte, Janera riceve la peggiore delle notizie: gli abitanti dei pianeti che controllava si sono ribellati ed hanno sconfitto i suoi eserciti. Il suo impero non esiste più, ed ora per lei conquistare la Terra è davvero l'ultima opzione perché non ha più un posto dove fare ritorno. Così, dopo aver trasformato in robot Valkimer per punirlo dei suoi fallimenti, lancia un attacco finale contro il Combattler. L'attacco fallisce e lei, infuriata, decide di distruggere la Terra lanciando un missile perforante che esploderà una volta raggiunto il nucleo del pianeta. Lanciato il missile Janera tenta di mettersi in salvo, ma Valkimer, stufo della sua crudeltà, glielo impedisce ed i due muoiono insieme. Il missile procede verso il nucleo del pianeta, e gli eroi non possono fare nulla per fermarlo. Così si rassegnano alla fine del mondo, ma improvvisamente appare un Deus ex machina che annuncia che la Terra sarà salvata per intervento divino dopo la morte di Janera, e che non ci dovranno essere mai più guerre. Così, ripristinata la pace, i protagonisti tornano alle proprie vite.

Titolo originale: Chōdenji robo Konbatorā Bui

Genere: mecha, fantascienza
Autore: Saburō Yatsude manga
Regia: Tadao Nagahama
Soggetto: Saburō Yatsude, Tadao Nagahama, Hachide Saburo
Sceneggiatura: Massaki Tsuji (ep. 1, 2, 3, 4, 8, 12, 21, 28, 25, 26, 30, 33, 36, 40, 41, 45, 50, 52, 53 e 54), Gobu Fuyumori (ep. 6, 10, 16, 29, 31, 35, 43, 44 e 48), Shoishi Taguci (ep. 5, 7, 14, 17, 23, 27, 32, 37, 39, 42, 46, 47, 51), Keisuke Fujikawa, Yū Yamamoto, Sakurai Masaaki
Char. design: Norio Shioyama, Nobuyoshi Sasakado, Yoshikazu Yasuhiko
Mecha design: Yuki Hijiri, Studio NUE
Dir. artistica: Takashi Miyano
Musiche: Hiroshi Tsutsui
Rete: TV Asahi
1ª TV: 17 aprile 1976 – 28 maggio 1977
Episodi: 54 (completa)
Aspect ratio: 4:3
Durata ep.: 24 min
Rete it.: Televisioni locali
1ª TV it.: 1983
Episodi it.: 54 (completa)
Durata ep. it.: 24 min

Personaggi e doppiatori

PersonaggioDoppiatore
Roy (Hyoma)
Riccardo Onorato
Furio (Juzo)
???
Gonghi (Daisaku)
???
Malik (Garuda)
Elio Marconato
Johnny (Kyosuke)
???
Meggie (Chizuru Nonbora)
Renata Biserni
Janera
Francesca Fiorentini
Maki
???
Gen. Dankel
Riccardo Garrone
Workimer
Diego Reggente
Greana
Doriana Chierici

Sigla
Originale giapponese.

Produzione: Soeisha per Toei Co., 1976

Indice cartoon