Lady Oscar

Lady Oscar è un anime giapponese ambientato negli anni appena precedenti alla rivoluzione francese. 1770: la giovane Maria Antonietta d'Austria, figlia dell'imperatrice Maria Teresa, promessa in sposa al delfino di Francia Luigi Augusto, nipote di Luigi XV, giunge a corte. Le fa da scorta in ogni sua uscita Oscar François de Jarjayes, nobile sua coetanea nonché comandante della Guardia Reale, che è stata educata sin da bambina come un uomo. Tra le due giovani nasce subito una forte amicizia. Oscar assiste, a un ballo in maschera a Parigi, all'incontro tra Maria Antonietta e il conte svedese Hans Axel von Fersen, del quale entrambe le donne finiscono per innamorarsi. Intanto, Madame Du Barry, favorita di Luigi XV, in diverse occasioni si trova a scontrarsi con Maria Antonietta. La delfina, infatti, rifiuta di rivolgerle la parola a causa dei suoi bassi natali e per la sua condizione di favorita, che considera immorale. Soltanto dopo molto tempo e altrettante pressioni da parte di sua madre Maria Teresa, la principessa cede e parla a Madame Du Barry in occasione del capodanno del 1772. Alla morte di Luigi XV (maggio 1774), Luigi XVI e Maria Antonietta diventano sovrani di Francia e la contessa Du Barry è allontanata dalla corte. Nel frattempo i sentimenti che Maria Antonietta e Fersen nutrono l'un l'altra diventano palesi: quando iniziano a diffondersi maldicenze sulla loro relazione, il conte abbandona il paese. Maria Antonietta, sempre più infelice e sola, cade allora sotto l'influenza di una nobildonna, la contessa di Polignac, una donna ambiziosa che diventa la sua favorita e spinge la regina a scialacquare denaro in occupazioni frivole, come la moda e il gioco d'azzardo. Parallelamente si assiste alle traversie di due ragazze dei bassifondi di Parigi, Jeanne e Rosalie, che arrivano a corte attraverso vie diverse. Figlie di un defunto nobile decaduto della dinastia dei Valois e di una donna povera, dimostrano caratteri e desideri differenti: Jeanne, scaltra e ambiziosa, abbandona la famiglia e riesce a farsi adottare da una nobildonna, che poi uccide dopo aver preparato un falso testamento a proprio favore; Rosalie, invece, candida ed estremamente affezionata alla madre, si dedica ad assisterla. Nel disperato tentativo di guadagnare quanto serve a comprare le medicine per la madre, Rosalie conosce Oscar: una sera ferma la sua carrozza e, credendola un uomo, le si offre; Oscar ride per l'equivoco ma poi, commossa, le dona una moneta d'oro. Qualche tempo dopo, la madre di Rosalie finisce sotto le ruote della carrozza della contessa di Polignac; in punto di morte, la donna rivela a Rosalie di non essere la sua vera madre e che quest'ultima è in realtà una nobildonna; da quel momento Rosalie cerca di avvicinarsi a Versailles per trovare l'assassina della madre adottiva e vendicarsi di lei: finisce per diventare ospite di Oscar, che le fa impartire un'adeguata educazione e la introduce a corte. Per ironia della sorte, Rosalie scopre che la sua vera madre è proprio la contessa di Polignac. Poco tempo dopo questa scoperta, Charlotte de Polignac, sorellastra undicenne di Rosalie, si suicida per sottrarsi ad un matrimonio indesiderato. Dopo alcuni anni il conte di Fersen torna in Francia e inevitabilmente si riavvicina a Maria Antonietta che, non riuscendo a controllare i suoi sentimenti, rischia di far scoppiare uno scandalo. Anche su consiglio di Oscar, il conte decide di lasciare nuovamente il paese e si imbarca per andare a combattere oltreoceano con i rivoluzionari americani; la partenza del conte spinge Maria Antonietta a cambiar vita: dopo l'agognata nascita degli eredi al trono, si allontana dalla vita di corte e si ritira con i suoi bambini nel Petit Trianon, una residenza privata, suscitando l'astio dell'alta nobiltà. Nel frattempo Jeanne Valois de la Motte organizza una truffa ai danni della corona: riesce a far acquistare, a nome di Maria Antonietta, una costosissima collana realizzata alcuni anni prima da un gioielliere di Parigi per conto di Madame du Barry. Il piano riesce grazie all'ingenuità del cardinale di Rohan, il quale, infatuato della regina, è abilmente manipolato da Jeanne e dai suoi complici. Scoppia così il celebre affare della collana, che getta le prime ombre sulla reputazione pubblica della regina. Una volta scoperta e arrestata, dopo un clamoroso processo in cui accusa Maria Antonietta di essere l'artefice dell'intrigo, Jeanne viene condannata a essere marchiata a fuoco come ladra. Poco dopo la vicenda della collana, Fersen torna dall'America. A un ballo a corte, Oscar si presenta in incognito vestita per la prima ed unica volta in vita sua da donna ma, danzando con Fersen, capisce che non potrà mai sostituire la regina nel cuore del conte svedese. Si trova poi coinvolta nel caso del Cavaliere Nero, un ladro che compie numerosi furti ai danni dei nobili per donare tutto il proprio bottino ai poveri: nel tentativo di catturarlo, il suo fido scudiero André è ferito a un occhio, da cui perderà la vista. Si scoprirà poi che sotto la maschera del Cavaliere Nero si cela Bernard Chatelet, un giornalista parigino filorivoluzionario, amico di Maximilien de Robespierre. I furti erano compiuti con il tacito assenso del duca d'Orléans, che sperava in questo modo di gettare discredito sulla famiglia reale agli occhi della nobiltà. André rivela quindi a Oscar di amarla da sempre, ma lei lo respinge. Oscar decide di allontanarsi dalla corte, rinuncia al comando della Guardia Reale e ottiene dalla regina l'incarico di comandante del reggimento delle Guardie Francesi di Parigi. Anche André vi si arruola, per starle vicino. Intanto, il padre di Oscar, il generale Jarjayes, si pente di aver destinato la figlia alla carriera militare e ne auspica le nozze. Si propone Girodel, secondo di Oscar nella Guardia Reale, ma quest'ultima non accetta di sposarlo. Nel frattempo, al comando della Guardia di Parigi, Oscar dovrà combattere per farsi accettare dai suoi nuovi indisciplinati soldati, riuscendo infine a ottenere la loro fiducia e in particolare quella di Alain de Soisson, amico di André, che a sua volta si innamora di Oscar. S'inizia infine la tragedia di Maria Antonietta; subito dopo la morte del suo primogenito, si affaccia il turbine degli eventi che porteranno alla Rivoluzione francese. Oscar, scoprendosi anch'essa innamorata di André, si schiera dalla parte del popolo, a cui appartiene il suo amato, e dice addio alla regina. Di lì a poco i due innamorati muoiono: André è colpito da una pallottola vagante il 13 luglio 1789, mentre Oscar, già debilitata dai primi sintomi della tisi, cade durante i tumulti dell'assalto alla Bastiglia. Gli anni della rivoluzione travolgono Maria Antonietta, fino alla sua esecuzione sulla ghigliottina il 16 ottobre 1793.

Titolo originale: Berusaiyu no bara

Autore: Riyoko Ikeda
Regia: Osamu Dezaki, Tadao Nagahama epp. 1~18
Sceneggiatura: Yoshi Shinozaki, Keiko Sugie, Masahiro Yamada
Char. design: Shingō Araki, Michi Himeno
Musiche: Kōji Makaino
Rete: Nippon Television (NTV)
1ª TV: 10 ottobre 1979 – 10 settembre 1980
Episodi: 41 (completa)
Durata ep.: 25 min
Rete it.: Italia 1
1ª TV it.: 1º marzo – 23 aprile 1982
Episodi it.: 40 / 41  [Completa al 98%]  (ep. 41 non trasmesso)
Durata ep. it.: 24 min
Studio dopp.it.: CITIEMME Registrazioni Sonore

Personaggi e doppiatori

PersonaggioDoppiatore
Oscar Francois De Jarjayes
Cinzia De Carolis
André Grandier
Massimo Rossi
Hans Axel Von Fersen
Luciano Roffi
Gen. De Jarjayes
Romano Malaspina
Bernard Chatelet
Sergio Luzi (1^ Voce)
Oliviero Dinelli (2^ Voce)
Alain De Soissons
Sergio Luzi
Madre Di Alain
Anna Teresa Eugeni
Rosalie Lamorliere
Daniela Caroli
Maximilien Robespierre
Giorgio Locuratolo
Maria Antonietta D'Austria
Laura Boccanera
Luigi XV
Sandro Pellegrini
Luigi XVI
Marco Guadagno
Maria Teresa D'Austria
Laura Rizzoli
Jeanne Valois De La Motte
Susanna Fassetta
Nicolas De La Motte
Oliviero Dinelli
Madre Di Oscar
Isa Barzizza
Nonna Marie Grandier
Franca Dominici
ArmandSandro Pellegrini
Gioielliere Bhomer
Gabriele Carrara
Ministro Necker
Riccardo Garrone
Giuseppe D'Austria
Sergio Luzi
Principe Di Lambesc
Sandro Sardone
Principino Charles
Julian Olivieri Orioles
Principino Josef
Massimiliano Manfredi
Col. Victor Clement De Girodel
Giuliano Santi
Col. Labonne
Riccardo Garrone
Gen. Bouillé
Mario Laurentino
Cardinale De Rohan
Pierluigi Zollo
Conte D'Orleans
Mauro Bosco
Conte De Mercy
Silvio Anselmo
Contessa De Bramburie
Silvana Sodo (1^ Voce)
Alba Cardilli (2^ Voce)
Contessa Gabrielle De Polignac
Serena Spaziani
Contessina Charlotte De Polignac
Valeria Perilli
Contessa Dubarry
Franca De Stradis
Marchesa Adelaide
Franca Lumachi
Madame Elizabeth
Laura Rizzoli
Duca Di Germain
Carlo Allegrini
Duca Roland De Guise
Gabriele Carrara
Nicole La Morielle, Madre Di Rosalie
Franca Lumachi
Maria Teresa, Figlia Primogenita Di M.Antonietta
Valeria Perilli
Contessa Di Noailles
Rosalinda Galli
Nicole Olivier (D'oliva), Sosia Della Regina
Rosalinda Galli
Diane, Sorella Di Alain
Valeria Perilli
Voce Narrante
Sergio Matteucci

Sigla
"Lady Oscar", cantata dai Cavalieri del Re

Produzione: Ikeda Ryoko/Shueisha/TMS Tokyo Movie Shinsha, 1979

Indice cartoon