Daikengo, il guardiano dello spazio

Daikengo, il guardiano dello spazio è una serie televisiva anime giapponese. La storia ha inizio sul pianeta Emperius, attaccato dalle truppe del pianeta Magellano. Per fronteggiarne l'avanzata, il principe ereditario di Emperius, Samson, affronta le milizie nemiche su un pianeta vicino, rimanendo però ucciso. Il re Empel, caduto Samson, suo primogenito ed erede, nonché ultimo baluardo contro l'avanzata nemica, decide allora di risvegliare il dio-demone cosmico Daikengo. Questo robot gigante torna attivo ogni 950 anni al passaggio di una particolare cometa, la "Stella del guardiano", che lo colpisce con le sue radiazioni. Il re, rimasto senza erede, deve quindi scegliere fra i due figli che gli sono rimasti, Yuga e Ryger, a chi affidare il comando di Daikengo. La scelta cade su Yuga, giacché l'altro sarà destinato a succedergli nel trono di Emperius. Ryger, però, vedendo il fratello minore intimorito da tale prospettiva, sale di nascosto su Daikengo e, raggiunto da Cleo (la bella e ribelle figlia del primo ministro), Otoke e Anike (un robot meccanico e uno pilota), parte alla volta dello spazio infinito con l'intento di combattere e sconfiggere una volta per tutte i magellani. Durante la serie, e per più di una volta, Ryger viene soccorso da Bryman, un cyborg "vagabondo dello spazio", sotto le cui vesti si cela Samson, fratello maggiore di Ryger, ferito mortalmente nel primo episodio. In seguito ci sarà lo scontro finale tra Daikengo e Magellano il grande, che verrà ucciso dopo una breve lotta grazie alle "spade incrociate". Sconfitti i nemici, Ryger, Cleo, Bryman e Yuga fanno ritorno a Emperius, dove Ryger erediterà il trono. Questo destino non è, però, gradito al principe, che decide di lasciare il trono a Yuga e di ripartire con Cleo a bordo di Daikengo verso lo spazio infinito.

Titolo originale: Uchū majin Daikengō

Genere: mecha, fantascienza
Autore: Akiyoshi Sakai original concept, Hisaiyuki Toriumiplanning, Satoshi Suyamaproduttore
Regia: Akira Yahiro supervisore, Shigeyasu Sannai regia ep.2,7,10,15
Soggetto: Satoshi Suyamasceneggiatore ep.2,5,26, Saburo Ebinumasceneggiatore ep.14, Hajime Mouri sceneggiatore ep.4,7,9,11
Sceneggiatura: Akiyoshi Sakai ep.3,6,8,12-16,18,23., Mikio Fukushimaep.3,6,8,12-16,18,20-25., Hisaiyuki Toriumiep.1,4,7,9,11,17,29
Char. design: Motosuke Takahashi, Chuichi Iguchi
Mecha design: Kunio Okawara
Dir. artistica: Mitsuki Nakamura
Musiche: Hiroshi Tsutsui, Asehi Kobayashi sigle
Rete: TV Asahi
1ª TV: 27 luglio 1978 – 15 febbraio 1979
Episodi: 26 (completa)
Durata: ep. 30 min
Rete it.: Televisioni locali, Euro TV, Supersix, Tv7 Pathè, SitcomUNO, Facile TV
1ª TV it.: giugno 1981
Episodi it.: 26 (completa)
Durata ep. it.: 25 min
Doppiaggio italiano: SCREEN

Personaggi e doppiatori
PersonaggioDoppiatore
RygerErmanno Ribaudo
Principessa Cleo Paola Rinaldi
SabuMariella Furgiuele
RoboleonGastone Moschin
Otoke Il RobotMariella Furgiuele
RaigaLorenzo Macrì
Lady BaracrossMariella Furgiuele

Sigla italiana
"Daikengo", cantata da Simba.

Produzione: Tori Productions per Toei Agency, 1978

INDICE CARTOON